Campagna

Sud Sudan e RdCongo, una promessa di pace

Aiutare 100 bambini tra i più vulnerabili in Repubblica Democratica del Congo e Sud Sudan era la nostra promessa di pace e... ce l'abbiamo fatta!

Tagliata
Dona Ora

Dona per questa Campagna!

Abbiamo raggiunto l'obiettivo della campagna grazie agli eventi organizzati dai nostri volontari, alle famiglie, alle scuole e alle istituzioni private che hanno attivato un sostegno a distanza e anche grazie a chi ha scelto le nostre bomboniere per celebrare un’occasione importante.

100 sostegni a distanza sono un investimento nell'educazione, nella salute e nell'istruzione di 100 bambini. Una promessa di pace mantenuta, grazie!

Vogliamo ringraziarvi con una gallery dalla Repubblica Democratica del Congo, con le foto di Victoire e Nadine, che ora possono andare a scuola grazie al sostegno a distanza.

Anok ha 9 anni ed è scappata dalla violenza, dalla fame. Fiera e determinata volge lo sguardo all'orizzonte più ampio, al suo domani.

È sud sudanese, ma condivide lo stesso destino dei suoi coetanei congolesi. RD Congo e Sud Sudan sono accomunati da un presente di guerra, di fughe, di carestie. I due Paesi vivono la più grande crisi umanitaria del momento, una delle ragioni che hanno spinto papa Francesco a indire per il 23 febbraio scorso una giornata di preghiera e digiuno per due popoli che da anni non conoscono pace.

“Cosa posso fare io per la pace?”: questa è la domanda che il Santo Padre ha invitato ciascuno a porsi.

Investi in una promessa di pace è la nostra proposta di risposta. Lo puoi fare attivando un sostegno a distanza per uno dei 100 bambini che in Congo e Sud Sudan stanno aspettando te.

Il tuo contributo economico stabile e continuativo sarà un investimento nella crescita di uno di questi bambini: nella sua educazione, istruzione, salute. In poche parole è una promessa di un presente migliore e un futuro in cui essere attore di pace per il suo Paese.

#BuoneNotizie: aiutare 100 bambini tra i più vulnerabili in #Congo e #SudSudan era la nostra promessa di pace e... ce l'...

Pubblicato da AVSI su giovedì 24 maggio 2018