News
15 Gennaio Gen 2015 1554 15 gennaio 2015

Uno sguardo che genera bellezza al CTO di AVSI

Come far fronte in modo unitario alle sfide della cooperazione, passando per il coinvolgimento dei privati, la valorizzazione delle risorse e dei mezzi, e dalla comunicazione. Senza dimenticare l’incontro con la persona e la forza di uno sguardo che può cambiare le prospettive. Giovanna Melandri, John Waters, Maria Laura Conte ospiti dal 19 febbraio dell’annuale CTO di Fondazione AVSI.

Affrontare in modo unitario le sfide che le persone incontrano sul terreno, mettendo in relazione le problematiche dei singoli contesti con lo scenario globale. E’ questo lo scopo del CTO (Comitato Tecnico Organizzativo), l’incontro annuale che AVSI organizza con i suoi responsabili, che coordinano oltre 100 progetti in 30 paesi in via di sviluppo e coinvolgono più di mille persone tra personale espatriato e locale.
Una settimana di lavoro intensa, che ha visto la partecipazione, oltre che di quasi 50 rappresentanti provenienti da Africa, Sud America, Europa e Asia, anche di importanti esponenti del mondo della cooperazione internazionale.
Il ruolo del settore privato. A partire da Giovanna Melandri, Presidente Advisory Board Italiano di Social Impact Investment Task Force e fondatrice della Human Foundation, nata per indirizzare risorse private verso imprese sociali e creative e al fine di promuovere lo sviluppo umano.
Il tema di come promuovere l'innovazione sociale è stato alla base del suo intervento: una reale opportunità per una economia inclusiva, sostenibile, e ad impatto sociale e ambientale positivo. L' attuazione di questo nuovo ecosistema, ha spiegato Giovanna Melandri, implica il coinvolgimento dei governi, al fine di facilitare l'incontro fra domanda e offerta e accompagni la crescita degli investimenti a impatto sociale, che nei prossimi anni supereranno il triliardo.
Nel suo discorso, l’ex ministro ha anche toccato il tema cruciale dell’impact investment, nuova leva della cooperazione internazionale nell’ambito del coinvolgimento del settore privato e delle imprese sociali. Secondo Giovanna Melandri, “si tratta di introdurre una terza dimensione nelle scelte d'investimento che possa generare un cambiamento di paradigma epocale con effetti significativi sull'economia, sulla struttura del welfare, perfino sulla finanza, oltre che sulle questioni ambientali e sociali”.
La nuova legge sulla cooperazione. In linea con l'intervento della Melandri, nel corso del CTO, è stata presentata la nuova legge italiana sulla cooperazione (Legge 125), che pone tra i suoi obiettivi proprio una maggiore apertura al settore privato, pur mantenendo centrale il ruolo delle ong come collante con la società civile e nel raggiungimento dell’ultimo miglio.
EXPO2015. Nel corso della settimana di lavoro, si è parlato anche di EXPO 2015. Evento di rilevanza internazionale che vede coinvolti alcuni dei paesi in cui AVSI è presente e che tocca temi inerenti al lavoro dell’organizzazione: la nutrizione, prima di tutto, ma anche sviluppo sostenibile e energia. Per questo si è dato spazio alla presentazione di EXPO 2015 per individuare come collaborare e mettere al servizio di un evento mondiale le esperienze che AVSI porta avanti nel paesi in via di sviluppo.
La formazione di Bernard Scholz. Per assecondare queste nuove tendenze è necessario che tutte le risorse, tangibili e intangibili, dedicate ai progetti che AVSI sviluppa nei vari paesi siano formate e valorizzate. Ecco perché è stato dato grande spazio al tema della valutazione dei contesti organizzativi e sui nuovi modelli di analisi e gestione dei progetti, grazie alla formazione di Bernard Scholz.
Il ruolo della comunicazione.In un contesto in continua evoluzione il ruolo della comunicazione è sempre più strategico in ogni organizzazione. A Maria Laura Conte, direttrice editoriale di Fondazione Oasis, è stato affidato l’incontro sul tema. “Se una cosa non viene comunicata non è conosciuta – ha spiegato nel suo intervento, citando San Tommaso d’Aquino - La comunicazione è come un respiro che ti accompagna".
John Waters.Il pomeriggio di martedì è stato dedicato all'incontro con John Waters (scrittore e giornalista irlandese) che ha narrato l'esperienza fatta nei viaggi e incontri fatti in Brasile, Ecuador, e Kenya, per preparare la mostra di AVSI Generare Bellezza. Nuovi inizi alle periferie del mondo, che è stata una delle mostre più visitate al meeting di Rimini 2014 e che ha dato anche il titolo alla settimana di lavoro di AVSI appena conclusa.