News
11 Aprile Apr 2013 1209 11 aprile 2013

La Fabbrica Verde: FIAT-BID-AVSI, una partnership di successo per lo sviluppo sostenibile in Brasile

Il 14 marzo Daniela Carrera Marquis, Rappresentante del BID (Banca Interamericana di Sviluppo) in Brasile, Marco Antônio Lage, Fiat Director of Corporate Communication, e Alberto Piatti, Segretario Generale di AVSI, hanno visitato insieme il cantiere del nuovo stabilimento della Fiat, situato nei pressi della città di Goiana, stato del Pernambuco, nel nord-est del Brasile.

Il nuovo stabilimento, che si propone di essere una "Fabbrica verde", è concepito come centro dinamico del polo automobilistico del Pernambuco, sulla base di un moderno design che include un parco fornitori, un centro di formazione di manodopera, un centro di sviluppo tecnologico e un pista di prova.
Si tratta di uno stabilimento sostenibile, a basso impatto ambientale, che riproduce le migliori pratiche nel sistema di gestione ambientale di Fiat: le strade interne saranno pavimentate con asfalto e prodotte da pneumatici riciclati, l'acqua utilizzata nel processo industriale sarà trattata e riutilizzata.
Saranno costruiti anche i magazzini per i fornitori che si occupano della consegna just-in-time dei componenti principali per la catena di montaggio. Questo sforzo con i fornitori locali contribuirà a poco a poco a ridurre i costi logistici, come è successo a Betim (Minas Gerais), dove si trova il più grande impianto di Fiat nel mondo, consentendo lo sviluppo e la crescita dell'economia locale.
Il progetto, che sarà completato nella prima metà del 2014 e funzionante nella prima metà del 2015, rafforzerà l'industria nazionale, aumentando la capacità di produzione delle auto, con un notevole impatto sulle nuove offerta di lavoro circa 4.500 posti di lavoro diretti e 12.000 indiretti. Questa è davvero una grande opportunità per un paese colpito da numerosi problemi sociali, con un tasso di analfabetismo del 20%, un tasso di povertà del 67,4% (persone che vivono con circa 300 reais al mese, che è la metà di un salario minimo), e sistema fognario adeguato solamente per il 33% delle famiglie. Attualmente, la popolazione della regione sopravvive principalmente con la coltivazione di canna da zucchero.
La visita è stata l'occasione per presentare i risultati dello studio socioeconomico e ambientale svolto da AVSI in Goiana e altri 16 comuni della zona, nonché le linee guida per lo sviluppo sostenibile della Regione e la Social Responsibility di FIAT  incentrata su quattro pilastri: la capacity building delle autorità locali,  l'educazione, il turismo e la cultura, l' economia locale sostenibile .
AVSI ha iniziato la sua collaborazione con FIAT nel 2004 con il progetto Árvore da Vida nella zona circostante lo stabilimento a Belo Horizonte, nello stato del Minas Gerais. L'intervento è ancora in corso e opera in un quartiere di 35.000 residenti, Jardim Terezopolis, dove la gente vive in una profonda sacca di povertà, con bassi livelli di sviluppo umano e un indice di violenza tra i più alti in Brasile.
Attraverso una collaborazione tra i settori pubblico e privato e la società civile, attraverso attività socio-educative, la formazione professionale, la generazione di reddito e il rafforzamento della vita comunitaria, Árvore da Vida ha raggiunto importanti risultati quali: circa 1.000 giovani del quartiere sono dipendenti Fiat, il miglioramento delle condizioni di vita di quasi 13.550 persone e 1.300 giovani inseriti con successo nel mercato del lavoro.
Questi risultati sono stati presentati al CSRAmericas 2012, la più grande  conferenza di CSR in America Latina e nei Caraibi, ospitata dal Fondo Multilaterale di Investimento della Banca Interamericana di Sviluppo.
Scopri di più sul progetto Arvore da Vida