Ospedali Aperti in Siria: per curare i malati, per ricostruire una comunità

Venerdì 2 settembre 2022 si terrà un convegno in presenza e online al Palazzo della Cancelleria, Roma

Paesi Siria
Settori
Data 26.08.2022

Compie cinque anni il progetto Ospedali Aperti in Siria.
Nato da un’intuizione del card. Mario Zenari, Nunzio Apostolico in Siria, promosso dal Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, affidato ad AVSI per la gestione, ed è tempo di tentare un primo bilancio.

Perché un convegno

Per questo AVSI promuove nel 2022 un convegno quale occasione per verificare che cosa ha caratterizzato questo intervento, per misurare quale è stato l’impatto nella vita dei siriani e nella comunità locale, per rendicontare come sono stati impegnati i fondi raccolti e per individuare possibili sviluppi futuri.

I numeri offrono già un’indicazione chiara dell’efficacia del progetto: a settembre 2022 ha assicurato circa 80.000 cure gratuite ai siriani poveri grazie alla collaborazione con tre ospedali gestiti da congregazioni religiose, due a Damasco e uno ad Aleppo, e con 4 dispensari.

Ma soprattutto Ospedali Aperti si è dimostrato un caso interessante e unico per molteplici aspetti:

  • la creazione degli uffici sociali che hanno ascoltato le singole richieste di aiuto, hanno riconosciuto il bisogno delle persone e le condizioni in cui vivono, hanno indirizzato i beneficiari alle cure necessarie;
  • l’accesso alle cure garantito alle persone bisognose a prescindere dalla loro appartenenza religiosa;
  • la mappatura precisa dei beneficiari e dei loro bisogni;
  • il superamento di ogni tipo di pregiudizio o divisione che ha permesso di ricucire il tessuto di una comunità a partire da risposte concrete a bisogni concreti;
  • il sostegno economico a ospedali in crisi che hanno potuto così restare aperti e continuare a offrire cure altrimenti non sostenibili.
Ospedali Aperti - ITA

Chi ha reso possibile il progetto

Il percorso di questi cinque anni è stato reso possibile grazie ai fondi pervenuti soprattutto da donatori privati che hanno creduto in quest’azione e grazie al costante sostegno della Santa Sede.

Open Hospital - chirurgy

I dettagli e il programma dell’evento

Si prevedono testimonianze di beneficiari e operatori in presenza o collegati dalla Siria, e riflessioni articolate sul modello di questo progetto e sulla sua replicabilità.

Luogo e data dell’evento: Palazzo della Cancelleria, Roma, venerdì 22 settembre 2022 dalle 14.30 alle 18.00
Modera: Enzo Romeo, Giornalista RAI

Per partecipare all’evento scrivere un’email all’indirizzo: arianna.scroccaro@avsi.org

Link  per partecipare alla diretta Facebook 


Il programma:

  • 14:30 – 15:00 Saluti introduttivi
    -Card. Leonardo Sandri, Prefetto del Dicastero per le Chiese Orientali
    -Alessandra Smerilli, Segretaria del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale
  • 15:00 – 15:20 Origine e sviluppo del progetto
    – Marco perini, Regional Manager AVSI MENA
  • 15:20 – 16:00 Testimonianze dalla Siria
    – Joseph Fares, Direttore, Ospedale Italiano a Damasco
    – Arcangela Orsetti, Suore di San Giuseppe dell’Apparizione, Ospedale Saint Louis di Aleppo (in collegamento da Aleppo)
    – Fadi Azar, Frati Francescani, Dispensario di Latakia
  • 16:00 – 16:30 Ospedali Aperti: un modello per la cooperazione allo sviluppo?
    – Marina Sereni, Vice Ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Italia
  • 16:30 – 16:50 Pausa caffè
  • 16:50 – 17:40 Il sostegno dei donatori
    – Eduard Habsburg-Lothringen, Ambasciatore dell’Ungheria presso la Santa Sede
    – Leonardo Di Mauro, Direttore, Interventi Caritativi Conferenza Episcopale Italiana (CEI)
    – Enzo Fortunato, Sacro Convento di Assisi
    – Pier Luigi Manocchio, Consiglio Generale, Fondazione Terzo Pilastro
    – Sandro Veronesi, Presidente, Calzedonia Group
  • 17:40 – 18:00 Conclusioni
    – Mario Zenari, Nunzio Apostolico a Damasco
Hospital - outdoor
Open Hospital - Syria