Paese

Italia

Favorire la solidarietà: nel nostro paese siamo impegnati in progetti su migrazione, sensibilizzazione e adozioni internazionali

 MG 5582

Fin dai primi anni di attività, abbiamo affiancato all’impegno nei paesi più vulnerabili del mondo l’attività di sensibilizzazione e informazione in Italia sui temi della cooperazione e dello sviluppo. A fronte della cosiddetta "emergenza profughi" del 2015 abbiamo deciso di avviare progetti di integrazione lavorativa di richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale e umanitaria e di costituire il Network profughi, una rete che riunisce più di 25 associazioni impegnate sul tema migrazioni.

Dal 2019, anche grazie alla nostra presenza nei principali paesi di origine dei flussi migratori, siamo coinvolti nei programmi di rimpatrio volontario assistito.

Migrazione & integrazione

La scelta di avviare in Italia progetti per favorire l’integrazione di titolari di protezione internazionale attraverso il lavoro nasce dall’esperienza con i rifugiati nel mondo sia in paesi di origine dei flussi migratori, sia in paesi di transito e arrivo in Africa, Medio Oriente e Sud America. I progetti sono finanziati da enti privati e realizzati in cinque regioni (Lombardia, Emilia-Romagna, Lazio, Campania e Sicilia) in partnership con soggetti del terzo settore e in particolare con le imprese.

L’inserimento lavorativo dei migranti:

  • risponde al bisogno concreto di personale formato delle imprese coinvolte
  • si basa su un percorso formativo progettato con tutti i partner dagli enti gestori dei centri di accoglienza (CAS/Sprar/Siproimi), agli enti formativi e alle imprese; combina la formazione linguistica, tecnica e sulle soft skills, con un’esperienza di apprendimento e formazione on the job tramite tirocini.

Dal 2015, 225 giovani profughi hanno partecipato a percorsi formativi professionali e 81 di loro sono stati inseriti stabilmente nel mondo del lavoro nei settori della ristorazione, logistica, agricoltura, e turistico-alberghiero.

Il programma di Ritorno Volontario Assistito

Il ritorno volontario assistito con reintegrazione (RVA & R) è un’alternativa accessibile a migranti che si trovano in situazione di irregolarità sul territorio nazionale o che ritengono concluso il loro progetto migratorio e vogliono rientrare nel paese di origine. Siamo coinvolti in due progetti con CIR (Consiglio Italiano per i Rifugiati) e CIES (Centro informazione ed educazione allo sviluppo) finanziati nell’ambito del Programma nazionale Fami (Fondo asilo migrazione e integrazione dell'Unione europea) e, oltre al lavoro di sensibilizzazione e supporto ai migranti in Italia, lo staff AVSI (o di partner locali) in 20 paesi segue l'accoglienza dei migranti di ritorno.

Il percorso prevede:

  • informazione sul programma RVA&R
  • aiuto per gli adempimenti burocratici
  • pianificazione di un percorso individuale di reintegrazione verificato con lo staff locale nel paese di origine
  • proposta d corsi formativi professionali pre-partenza (in collaborazione col Comune di Milano e rivolto ai migranti in città)
  • organizzazione del viaggio di ritorno
  • accoglienza nel paese di origine di personale qualificato di AVSI o di partner locali che aiutino, anche economicamente, il reinserimento lavorativo e sociale o l’avvio di una propria attività. L'accompagnamento dura almeno sei mesi.

Dopo un anno dall’avvio del programma, al 31.03.2020, 50 migranti hanno seguito il percorso di ritorno e reinserimento nel paese di origine accompagnati da AVSI

Sensibilizzazione

La campagna Tende

Attraverso la “campagna Tende”, AVSI propone un tema specifico che accompagna ogni anno le iniziative di sensibilizzazione e raccolta fondi. L’idea nasce alla fine degli anni '80 sotto una “tenda”, da qui il nome, allestita da un gruppo di volontari per sostenere i nostri progetti in Africa. Per ogni edizione vengono organizzati più di 900 eventi grazie al coinvolgimento di più di 270 gruppi composti da oltre 3.000 volontari che incontrano circa 400.000 persone. Giòcati con noi - La campagna Tende 19-20 >

La collaborazione con le scuole

Attraverso il progetto sostegno a distanza, gli studenti non solo sperimentano in prima persona la solidarietà, ma hanno la possibilità di conoscere il mondo della cooperazione e i suoi protagonisti attraverso testimonianze dello staff o in collegamento con i bambini sostenuti. Il progetto e le attività di approfondimento correlate vengono organizzate con i docenti, per inserire nel percorso scolastico i temi di inclusione, tolleranza e di geo-storia ed educazione alla cittadinanza globale.

Per la scuola secondaria il sostegno a distanza è inseribile nel progetto di alternanza scuola – lavoro.

Il sostegno a distanza con AVSI >

Adozioni internazionali

AVSI è un ente autorizzato dalla Commissione per le adozioni internazionali e lavora su tutto il territorio italiano attraverso le sedi di Milano, Cesena, Napoli e Firenze. AVSI aderisce a Oltre l'adozione, coordinamento di enti autorizzati per la sussidiarietà dell’adozione internazionale. Maggiori informazioni >

Contatti

Headquarters - Milano
02 6749 881 | milano@avsi.org

Sostegno a distanza - Cesena
0547 360 811 | cesena@avsi.org

Adozioni internazionali
Milano
02 674 988 373 | milano.adint@avsi.org
Cesena 0547 360 804 | segcesena.adint@avsi.org
Napoli 081 284 071 | napoli.adint@avsi.org
Firenze 055 010 7767 | firenze.adint@avsi.org

News Correlate

Vedi Tutte