Terremoto di Haiti del 2021: AVSI e il Center for Disaster Philanthropy accanto a 1200 bambini

Il Center for Disaster Philanthropy ha assegnato ad AVSI un contributo del CDP Haiti Earthquake Recovery Fund per mitigare gli effetti dannosi del terremoto del 14 agosto 2021 sui bambini fornendo protezione fisica e psicosociale, promuovendo lo sviluppo del bambino attraverso programmi di educazione informale e riattivando le reti per la protezione dell’infanzia.

Paesi Haiti
Data 19.12.2022

Sono molto felice che la mia famiglia ora mi tratti con comprensione. Non vedo l'ora di andare al centro per imparare e aiutare altri bambini più piccoli di me

Carlangy, bambina haitiana sostenuta da AVSI

Carlangy, nove anni, vive a Torbeck, una zona rurale povera nel sud di Haiti, con la madre e la famiglia allargata. In tutto, otto persone risiedono sotto lo stesso tetto: la madre di Carlangy, Ketlaine, e tre dei suoi altri figli, la nonna di Carlangy, la cugina di Ketlaine e un'amica di famiglia. Ketlaine, una madre single, provvede a tutta la famiglia.

Il 14 agosto 2021, un devastante terremoto di magnitudo 7,2 ha colpito il sud-ovest di Haiti. Più di 2.200 persone sono morte e quasi 13.000 sono rimaste ferite. Scuole e altre infrastrutture vitali sono state distrutte e circa 130.000 case sono crollate. Il Center for Disaster Philanthropy ha assegnato ad AVSI una fondo del CDP Haiti Earthquake Recovery Fund per mitigare gli effetti dannosi del terremoto sui bambini fornendo protezione fisica e psicosociale, promuovendo lo sviluppo del bambino attraverso programmi di educazione informale e riattivando le reti di protezione dell'infanzia.

Con i fondi ricevuti, AVSI è intervenuta immediatamente per aiutare i bambini nelle remote comunità costiere. Il progetto era incentrato sulla creazione di spazi a misura di bambino in cui i bambini potessero sentirsi al sicuro, un luogo da frequentare con la propria la famiglia e essere e dove essere coinvolti in attività ludiche, terapeutiche e curative.

La storia di Carlangy, una dei bambini sostenuti da AVSI dopo il terremoto di Haiti

Carlangy è stata indirizzata al Centro AVSI a Torbeck dall’Association des Citoyens Engages pour le Développement de Ducis, partner della comunità locale. All’inizio Carlangy era molto timida e poco socievole. Aveva difficoltà ad esprimersi, era introversa e diffidente. Dopo diverse settimane, il personale ha visto che il comportamento di Carlangy non stava progredendo, per questo è stata coinvolta in attività di terapia in piccoli gruppi dove poteva essere seguita più da vicino.

Durante le sedute individuali , Carlangy si è aperta raccontando i maltrattamenti subiti in famiglia. Secondo Carlangy, la situazione in casa è peggiorata dopo il terremoto. Nonostante le difficoltà socioeconomiche, andava bene a scuola e prendeva buoni voti. Tuttavia, dopo il terremoto, aveva paura di tornare a casa, aveva perso l’appetito e non riusciva più a studiare.

Lo staff di AVSI sapeva che era giunto il momento di incontrare di persona Ketlaine, la mamma di Carlangy e tutta la famiglia. Un team di professionisti guidati da uno psicologo AVSI, insieme a un addetto all’assistenza sociale dell’Autorità centrale haitiana e a un membro dell’organizzazione locale che per prima aveva segnalato Carlangy, si è recato in visita a Ketlaine. Ketlaine era agitata, sconvolta. Il team ha ascoltato pazientemente Ketlaine e le ha proposto di partecipare a delle sedute di terapia al centro. Ha capito che doveva prendersi cura dei propri bisogni psicologici per garantire il benessere di tutta la sua famiglia.

Carlangy_haiti child supported by AVSI ok

Il team ha incontrato anche il padre di Carlangy. Entrambi i genitori hanno accettato di partecipare a sessioni di educazione genitoriale sul ruolo della famiglia nello sviluppo e nella protezione del bambino.

La prima sessione è stata una bellissima esperienza di dialogo comunitario e di crescita di consapevolezza per tutti i partecipanti, in particolare i genitori di Carlangy, che hanno espresso immensa gratitudine.

Da allora, il comportamento di Carlangy è notevolmente migliorato. E' sorridente, partecipa con allegria alle attività proposte, spesso offrendosi volontaria per aiutare i bambini più piccoli.

Con il continuo sostegno degli assistenti sociali locali e di altri membri del personale, la famiglia di Carlangy sta ritrovando un proprio equilibrio e si è impegnata per sensibilizzare le famiglie vicine sull'importanza del benessere e della protezione dei bambini. Carlangy ha detto a un amico: “Sono molto felice che la mia famiglia ora mi tratti con comprensione. Non vedo l'ora di andare al centro per imparare e aiutare altri bambini più piccoli di me”.

Con il supporto di AVSI e CDP, specialisti locali hanno migliorato la vita di oltre 1.200 bambini a La Cayes, Chardonnières, Roche-à-Bateaux e Torbeck ad Haiti.

Inoltre, quasi 300 adulti hanno partecipato a sessioni di sensibilizzazione sui rischi che i bambini affrontano ogni giorno e sui modi per creare ambienti più protettivi per i bambini, garantendo l'impatto del progetto anche in futuro.