News
2 Febbraio Feb 2022 1019 02 febbraio 2022

Sierra Leone: proteggere il benessere dei bambini e prevenirne l’abbandono

L’evento di lancio del Progetto HOME e la firma con il Consiglio distrettuale rurale della Western Area

Protezione dei bambini e collaborazione tra famiglie e istituzioni sono i punti alla base del progetto “HOME – Ghana, IvOry Coast, Sierra Leone: un network per l’accoglienza e l’educazione di Minori vulnErabili”, che a fine gennaio è stato ufficialmente approvato in Sierra Leone.

L’evento

L'evento di lancio del progetto è stato organizzato presso la sala del Western Area Rural District Council e presieduto da Mr. Yillah – deputy chief administrator del WAR DC. Qui hanno partecipato diversi rappresentanti ministeriali e distrettuali, nonché membri dell’High Table ed esperti in materia di educazione e protezione dei minori.

In questa occasione è stato anche firmato un accordo tra AVSI e il Western Area Rural District Council con obiettivo quello di avere una maggiore partecipazione e responsabilità delle istituzioni nella protezione dell'infanzia e nella prevenzione del loro abbandono in Sierra Leone.

Mr. Kabbakeh, director del Ministry of Social Welfare, ha evidenziato la necessità per il Consiglio di lavorare da subito in questa direzione in maniera sinergica con AVSI e mostrato la sua riconoscenza per l’operato dell’organizzazione in questo territorio.
Le criticità dell’area in questione sono infatti marcate e i dati relativi all’abbandono e al traffico dei minori continuano ad aumentare.

Ma la necessità di un lavoro congiunto tra il Consiglio e AVSI è un punto su cui tutti i membri dell’High Table hanno battuto.

Anche Mr. Sinnah - chief director del Ministry of Gender and Children’s Affairs - ha evidenziato che “alla fine di questo progetto, il Consiglio avrà le competenze per procedere e lavorare autonomamente in materia di protezione infantile. È per questo motivo che la sua firma rappresenta un’enorme opportunità per il futuro e che ora dobbiamo cogliere”.

Mr. Raman Tom Farmar e Gianni Bagaglia firmano l'accordo ufficiale tra AVSI e il WAR District Council

Mr. Sinnah - chief director del Ministry of Gender and Children’s Affairs

All'evento hanno partecipato anche Mr. Raman Tom Farmar - chief administrator del Western Area Rural District Council - e Mr. Massally - director NGO Affairs del Ministry of Planning and Economic Development.
Quest'ultimo ha ricordato la presenza di AVSI nel territorio durante numerosi momenti difficili: la guerra civile, l'epidemia di Ebola e infine la pandemia Covid-19.

La collaborazione con i Ministeri a livello nazionale e distrettuale, come ha sottolineato Gianni Bagaglia - country representative della Fondazione AVSI in Sierra Leone - "è uno dei passi necessari per rendere i bambini protagonisti del loro sviluppo integrale".

Mr. Raman Tom Farmar e Gianni Bagaglia firmano l'accordo ufficiale tra AVSI e il WAR District Council

Il progetto

HOME è un progetto multi-paese implementato in Ghana, Costa d'Avorio e Sierra Leone in collaborazione con realtà internazionali (Ai.Bi., Amici Missioni Indiane, VIS – Volontariato internazionale per lo sviluppo), locali (Family Homes Movement, Istituto OSU Children’s Home, Child Protection Centre – Don Bosco) e le autorità pubbliche dei tre Paesi interessati.

Obiettivo del progetto - finanziato dalla Commissione per le Adozioni Internazionali (CAI) - è contribuire al potenziamento di una rete di attori pubblici e privati impegnati ad assicurare il benessere di bambine e bambini e prevenirne l’abbandono.

In particolare, in Sierra Leone AVSI fornirà formazione sulla protezione dei minori agli attori istituzionali e risorse tecniche. Gran parte del progetto coinvolgerà famiglie affidatarie, orfanatrofi e insegnanti per potenziare le loro capacità in materia di protezione dei bambini. Infine, sarà creato un gruppo di lavoro congiunto tra operatori istituzionali, servizi sociali, famiglie di accoglienza, istituti e saranno diffusi messaggi di sensibilizzazione sulla protezione dei minori.

News Correlate