News
24 Giugno Giu 2021 1149 24 giugno 2021

Eletto il nuovo Consiglio di Amministrazione di AVSI, confermati Patrizia Savi presidente e Giampaolo Silvestri segretario generale

Il 23 giugno l’assemblea di Fondazione AVSI ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione

Il nuovo CdA risulta così composto:

  • Daniele Contini, general manager di Just Eat per l'Italia. Bio >
  • Alessandro Maffioli, chief development effectiveness division presso IDB Invest. Bio >
  • Alfredo Mantica, già senatore e viceministro. Bio >
  • Lorenzo Ornaghi, già Rettore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Bio >
  • Patrizia Savi, chief financial e risk officer presso Sea-Aeroporti di Milano. Bio >
  • Antonella Sciarrone Alibrandi, Prorettore vicario e professore ordinario di diritto dell’economia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Bio >
  • Giampaolo Silvestri, segretario generale Fondazione AVSI. Bio >

Il Collegio dei revisori risulta così composto:

  • Michele Grampa, presidente
  • Delia Gatti, membro effettivo
  • Alfredo Tradati, membro effettivo

In data odierna, 24 giugno, si è riunito il nuovo CdA che ha confermato Patrizia Savi presidente di Fondazione AVSI, Giampaolo Silvestri segretario generale e Alfredo Mantica vicepresidente.

Il Consiglio ha espresso un ringraziamento particolare ai consiglieri uscenti Alda Maria Vanoni, già presidente di AVSI, e Michele Faldi per il significativo contributo e l’attaccamento con cui hanno svolto il proprio ruolo nei precedenti mandati del CdA.

"Sono grata ai Fondatori e al Consiglio di Amministrazione per la rinnovata fiducia - ha dichiarato Patrizia Savi, nominata Presidente. - Sono orgogliosa di continuare a dare il mio contributo alla Fondazione AVSI che, dopo quasi 50 anni di attività, è oggi tra le più grandi realtà del terzo settore in Italia e attiva in 33 paesi del mondo con progetti di cooperazione internazionale”.

"Ringrazio della fiducia che mi è stata rinnovata. - ha commentato Giampaolo Silvestri, segretario generale - Per AVSI sono anni segnati da una crescita significativa che va governata con grande responsabilità, prudenza e competenza. I processi avviati di decentralizzazione, di formazione costante del personale, di management condiviso, di posizionamento nell’arena internazionale, ci stanno permettendo di competere e collaborare con ong di altissimo livello di tutto il mondo, senza perdere nulla della nostra identità e forza originaria”.