News
14 Dicembre Dic 2020 0005 14 dicembre 2020

La risposta di AVSI all'emergenza COVID-19 nei paesi di intervento

Sostegno all'educazione e protezione dei bambini, distribuzione di beni di prima necessità, campagne di informazione e sensibilizzazione: gli aggiornamenti dai progetti in Medio Oriente, Africa, America Latina e centrale, Asia ed Europa

Cosa stiamo facendo

Per ogni stato trovi gli interventi in corso e le uscite stampa da marzo 2020 in cui i colleghi dal campo hanno spiegato l'evolversi della pandemia COVID-19.





Fin dall’inizio della pandemia di Covid-19 abbiamo monitorato l’evolversi della situazione nei paesi dove lavoriamo, consapevoli dei rischi per le popolazioni che hanno accesso a sistemi sanitari precari, già afflitte da povertà, fame, conflitti.

Tutto lo staff, rispettando le misure di prevenzione e la nomativa in vigore nei paesi di intervento, è impegnato da marzo 2020 per mantenere attivi i progetti già, perseguendo anche strade innovative per non lasciare sole le comunità più vulnerabili.

Non solo, in tutto il mondo la pandemia ha aggravato la vulnerabilità di intere comunità e alla crisi sanitaria si è sommata una crisi economica, educativa, sociale.

Le conseguenze delle misure di prevenzione della diffusione del virus ovunque hanno avuto un grave impatto sulla salute, l'occupazione, l'alimentazione, l'istruzione e la protezione dei bambini.

E proprio per i bambini, molti di loro sostenuti a distanza, abbiamo intensificato i programmi educativi (in presenza o digitali) e ricreativi, la diffusione di messaggi di sensibilizzazione, la distribuzione di kit sanitari, le attività di protezione e tutela dei bambini e di supporto psico-sociale anche per le loro famiglie e comunità.

Miliardi di bambini vivono in paesi in cui sono stati interrotti i servizi di protezione, prevenzione e risposta alla violenza. Anche in assenza di dati ufficiali a livello globale, le stime confermano che i minori che soffrono a causa di povertà, fame, abusi, abbandono, sfruttamento, lavoro minorile, violenza sono aumentati come il rischio di matrimoni e gravidanze precoci per le bambine.