News
10 Novembre Nov 2020 1532 10 novembre 2020

Emergenza COVID-19 cosa stiamo facendo in Kenya

Gli interventi di risposta alla crisi sanitaria, economica e sociale dallo scoppio della pandemia a novembre 2020

  • Attività di AVSI sul territorio: i progetti proseguono con alcune attività riviste; in particolare la formazione che viene svolta in gruppi di massimo 20 persone o online. Nel campo profughi di Dadaab gli scout coinvolti nei progetti sostenuti dal Dipartimento di Stato americano per il sostegno ai rifugiati e ai migranti (PRM) sono impegnati in una campagna di sensibilizzazione; continua la formazione degli insegnanti attraverso la piattaforma Zoom.
  • Il progetto sostegno a distanza:
  • la chiusura delle scuole rappresenta sempre un problema soprattutto per i bambini più poveri che non possono avere il pasto garantito e rischiano di trovarsi a casa da soli. Sono state riaperte le classi che devono sostenere gli esami. Altre attività proseguono con alcune restrizioni, come le visite delle famiglie di Nairobi e la formazione professionale dei giovani.
  • la scuola Cardinal Otunga, partner storico di AVSI in Kenya, grazie ad un innovativo metodo educativo è oggi tra le migliori scuole secondarie e ha sperimentato nuovi canali per affrontare l’emergenza COVID-19 e la chiusura delle scuole. E' stata attivata la didattica a distanza: alcuni insegnanti tengono le lezioni online, tutti gli studenti (500) scaricano da un sito i compiti la mattina e li inseriscono completati nel pomeriggio.​ Anche la scuola di formazione professionale St. Kizito ha avviato la didattica on-line per 240 studenti
  • Diversamente da quelle pubbliche, tutte le scuole sostenute da AVSI hanno riaperto attenendosi alle oltre 90 condizioni da seguire richieste dal Ministero della pubblica istruzione e della sanità che settimanalmente effettua visite di controllo. Le classi sono state ampliate sacrificando i laboratori artistici, teatrali o di informatica e costruendo gazebo o strutture temporanee. Nonostante le difficoltà logistiche e di costi, rimane attivo il sistema di trasporto con gli scuolabus per il quale è stato raddoppiato il numero delle corse in modo da garantire che i bambini rimangano distanziati.

La situazione nel paese

L'impatto sull'attività di AVSI

Uffici: aperti | Progetti: in corso regolarmente con alcune attività riviste

Cosa puoi fare tu

Sostieni a distanza un bambino in Kenya, scopri come >

News Correlate