News
25 Settembre Set 2020 1226 25 settembre 2020

Myanmar. Il sogno di Yaw Mai: aprire un'officina dove riparare motociclette

E’ uno dei 74 giovani profughi selezionati e una delle due persone con disabilità che ha partecipato alla formazione professionale per il supporto agli sfollati e le comunità ospitanti, progetto finanziato da Lift e implementato da AVSI nell’istituto tecnico superiore di Bhamo

AVSI Myanmar Yaw Mai 2

Yaw Mai vive in un campo per rifugiati della Convenzione Battista di Kachin, nello stato di Kachin (Myanmar), dal 2011, quando lo scoppio della guerra civile tra l’Armata Indipendente di Kachin e l'esercito governativo lo costrinse a scappare. Yaw Mai ha sempre sognato di riparare motociclette ma, dopo aver seguito poche lezioni introduttive, non ha mai avuto l’opportunità di frequentare un corso o una formazione che gli permettessero di acquisire le competenze necessarie per lavorare attivamente nel settore.

Nel Febbraio 2020, AVSI ha tenuto nei campi per rifugiati di Bhamo alcune riunioni per informare i partecipanti sulle varie opportunità di formazione professionale, inclusi i corsi di riparazione delle motociclette, di meccanica e di elettronica. Non appena Yaw Mai ha sentito parlare di questi corsi di formazione, ha fatto domanda per il corso di riparazione di moto ed è stato selezionato.

Prima di iniziare la formazione professionale, ha partecipato alla cerimonia inaugurale a Bhamo, dove ha potuto conoscere i compagni di formazione, gli insegnanti e lo staff di AVSI. In seguito, sempre a Bhamo, ha partecipato a un breve corso di pre-formazione: tre giorni dedicati alla formazione tecnica professionale. A marzo 2020, ha iniziato il corso per riparare motociclette.

Grazie al corso, le sue capacità teoriche e pratiche stanno migliorando e continua a esercitarsi riparando motociclette nel campo di Man Si. Il diffondersi della pandemia da COVID-19, però, ha raggiunto anche il suo paese e sia la scuola che tutte le altre istituzioni educative sono state chiuse. Yaw Mai ora attende che l’istituto tecnico riapra per completare la sua formazione.

"Fin da bambino sogno di poter aprire un'officina solo mia dove riparare motociclette - spiega Yaw Mai - Per questo non vedo l'ora di terminare il corso e il programma di praticantato offerto dal progetto".

Il progetto VESI, della durata di 3 anni e finanziato da Livelihood and Food Security Fund (LIFT), ha come scopo lo sviluppo di opportunità di sostentamento per i profughi e le comunità ospitanti, attraverso corsi di formazione professionale e servizi per l'orientamento al lavoro negli Stati del Kachin e Nord Shan. Il progetto è gestito da un consorzio guidato da ADRA e implementato con l’organizzazione Finnish Refugee Council e da partners locali: la HTOI Gender and Development Foundation, l’organizzazione Grip Hands e il dipartimento per la formazione tecnico-professionale. Il progetto VESI si pone anche l'obiettivo di favorire l’inclusione dei gruppi marginalizzati agevolando laccesso a opportunità di formazione professionale e di impiego di donne, giovani e persone con disabilità nei settori non agricoli.

News Correlate