News
26 Luglio Lug 2020 0934 26 luglio 2020

Albania. A 8 mesi dal terremoto la situazione delle famiglie è ancora difficile

Da novembre AVSI e il partner locale SHIS assistono 100 famiglie dell'area di Tirana, Lezha e Durazzo. Grazie al sostegno del fondo di beneficenza di Intesa Sanpaolo garantiamo cibo, prodotti igienico-sanitari, vestiti e assistenza psicologica.

2020. Albania 1

Il 26 novembre 2019 un terremoto di magnitudo 6,4 ha colpito l'Albania, causando 51 vittime e oltre 3.000 feriti. Almeno 14000 edifici sono stati distrutti o danneggiati - con un danno stimato in 844 milioni di euro. Più di 2.500 albanesi sono rimasti senza casa.

L'epidemia di Coronavirus ha peggiorato ulteriormente la situazione: a causa del lockdown molte persone hanno perso il lavoro e non riescono più a garantire i bisogni essenziali alle proprie famiglie. Per questo motivo, le autorità di Durazzo, Lezha e dell'area di Kombinat a Tirana hanno chiesto aiuto a SHIS, partner albanese di AVSI, per identificare e sostenere le persone più vulnerabili.

"Incontrare queste famiglie è molto importante per il nostro lavoro - spiega Roberta Profka, direttrice di SHIS - perché ci permette non solo di capire le difficoltà e i bisogni di ognuna, ma anche di rassicurarle, garantendo la nostra presenza e il nostro supporto, anche emotivo e psicologico".

Come, ad esempio, accade per la famiglia di Guri, un bambino di 11 anni di Durazzo la cui casa è stata quasi distrutta dal sisma. Sebbene la casa sia danneggiata e instabile, Guri vive ancora lì con i genitori e il fratello maggiore. La mamma lavora come sarta part time: la sua insufficienza renale non le permette di lavorare di più e col suo stipendio riesce a provvedere con fatica ai bisogni essenziali per la famiglia. Il padre non può lavorare: deve restare con Guri, che ha bisogno di cure continue. Ogni mese, lo staff di SHIS consegna alla famiglia un pacco con alimenti, prodotti igienici e vestiti.

"Guri è un bambino molto timido - racconta Arjanita, operatrice sociale di SHIS - forse per questo la gioia che brilla nei suoi occhi quando arriviamo ci emoziona ancora di più".

"Tutti lo chiamano Guri, che in albanese significa pietra ma il suo vero nome è Mariglen. - spiega il fratello maggiore - All'età di due anni gli è stata diagnosticata l'epilessia. Un giorno eravamo in casa solo io e lui e ha avuto un attacco fortissimo. Non sapevo cosa fare, quando è rientrata la mamma siamo corsi in ospedale. Ha lottato tra la vita e la morte e ancora oggi non mi sembra vero che sia qui, anche se ha subito danni cerebrali e ha bisogno di cure continue. Da quel momento per noi è "Guri", la nostra pietra resistente".

Da novembre a luglio, grazie al sostegno del fondo di beneficenza Intesa Sanpaolo e al lavoro sul campo dello staff di SHIS, AVSI ha consegnato un pacco con alimenti, prodotti igienico-sanitari a 100 famiglie dell'area di Tirana, Lezha e Durazzo. Ogni pacco garantisce che queste famiglie abbiano ciò di cui hanno bisogno per un mese.

"Inoltre - aggiunge Roberta Profka - abbiamo distribuito lenzuola, cuscini e vestiti, soprattutto per i bambini che cerchiamo di seguire con particolare attenzione perché per loro il trauma è ancor più difficile da elaborare. Temo ne risentiranno per lungo tempo, ma insieme riusciremo a superare questa situazione".

Progetti da sostenere

News Correlate