News
7 Aprile Apr 2020 0527 07 aprile 2020

Siria. Ospedali Aperti e COVID-19: "Farsi trovare pronti"

Si riassume nelle parole del card. Zenari il lavoro di AVSI in Ospedali Aperti: farsi trovare pronti per contrastare il Coronavirus in un paese in cui le strutture sanitarie sono ormai ridotte al 50%

Siria Damasco Ospedali 06042019 0235

Foto di Marco Calvarese per Agensir

Anche la Siria si prepara ad affrontare l’emergenza da Coronavirus e, sebbene i casi ufficialmente accertati siano pochi, nella popolazione serpeggia la paura, specialmente dopo la messa in quarantena della città di Mnin, (governatorato di Damasco) dove una donna è morta a causa del virus COVID-19.

Il governo, allarmato dalla precaria situazione sanitaria, ha infatti predisposto misure restrittive come la chiusura di scuole, università, luoghi pubblici e di culto, attività di ristorazione, la riduzione al 40 per cento degli orari lavorativi nel pubblico impiego e la limitazione dei trasporti, vietando inoltre gli assembramenti di persone e istituendo il coprifuoco serale.

In un paese stremato da nove anni di guerra, le preoccupazioni sono fortissime: il sistema sanitario siriano è del tutto impreparato a fronteggiare un’epidemia poiché “soltanto il 50% degli ospedali è in funzione e scarseggiano sia il personale che il materiale sanitario” spiega il card. Zenari, Nunzio Apostolico in Siria dal 2008. – “La diffusione del virus, qui in Siria, sarebbe una catastrofe inimmaginabile. – continua - Dobbiamo cercare di farci trovare pronti di fronte a una diffusione del contagio; per questo, nell’ambito del progetto Ospedali Aperti, stiamo cercando di reperire dei respiratori polmonari e dispositivi di protezione”.

AVSI ha avviato una partnership con due dispensari di Damasco e si sta impegnando per ampliare l’offerta delle prestazioni mediche e di reperimento di protezioni adeguate come mascherine, guanti, disinfettanti e tute protettive. “Nei nostri tre ospedali – spiega Flavia Chevallard, responsabile del progetto – abbiamo in tutto 24 ventilatori, usati per diverse patologie e 29 posti di terapia intensiva. In queste settimane abbiamo fornito cure solo ai malati più gravi così da evitare affollamenti e abbattere la possibilità di contagio. La prima cosa, infatti, è proteggere il personale sanitario dotandolo di protezioni adeguate, mascherine, guanti, tute e disinfettanti.”.

Il progetto Ospedali Aperti, voluto dal card. Mario Zenari e sostenuto da papa Francesco e patrocinato dal Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale, è implementato da AVSI dal 2017 per assicurare ai siriani poveri l’accesso gratuito alle cure mediche nell’Ospedale Italiano e nell’Ospedale Francese a Damasco, e nell’Ospedale St. Louis ad Aleppo. Fino ad oggi ha fornito oltre 33700 trattamenti sanitari ad altrettanti siriani poveri.

Rassegna stampa

Progetti da sostenere

News Correlate