News
23 Dicembre Dic 2019 0957 23 dicembre 2019

Iraq. Da detriti e macerie ad alberi e fiori

Un nuovo giardino per riportare bellezza, un nuovo luogo per la comunità di Qaraqosh che ancora oggi porta i segni dell'occupazione di Isis

Iraq Garden Qaraqosh Project Prm

Quando lo Stato Islamico si appropriò di Qaraqosh nel 2014, centinaia di cristiani iracheni furono costretti a fuggire. Le loro case, chiese, scuole, e aziende furono distrutte. Stessa sorte per i giardini, i parchi giochi dei bambini. Lentamente dal 2016 gli abitanti tornano a casa e detriti e macerie vengono lentamente sostituiti da alberi, fiori e vivaci parchi giochi, come nel comune di Al-Hamdaniya, dove AVSI e le autorità locali, il 18 novembre hanno inaugurato il giardino di Al-Narjes. La ricostruzione dello spazio pubblico comunale è stata realizzata grazie al progettto finanziato dal Fondo americano per i rifugiati (PRM) “Un ciclo virtuoso di produzione per rilanciare una città e il suo tessuto economico, per gli sfollati interni (IDPs) e reduci dal Nineveh Plains in Iraq.”

“Abbiamo deciso di ricostruire questo giardino come parte integrante del progetto perché crediamo che sia uno spazio importante per la coesione sociale tra le persone di quest'area, con religioni e origini diverse ma che qui possono trovare uno spazio di condivisione” - ha spiegato Issam Behnam, sindaco di Qaraqosh “Noi come istituzione ci impegniamo fin da ora alla protezione e mantenimento di questo nuovo luogo, per le famiglie di Qaraqosh”

Behnam ha anche dato un riconoscimento ad AVSI e PRM per aver permesso di restituire alla comunità un luogo pubblico e per il ruolo significativo che hanno svolto e stanno ancora svolgendo nel rilancio dell'economia della piana di Ninive per sostenere il ritorno degli sfollati interni alle loro case di origine. Nel primo anno di progetto, AVSI ha ricostruito 83 fattorie e, tra le altre attività, ha offerto formazione professionale a 50 donne.

Rami Khodor Boulos, amministratore del comune di Al-Hamdaniya, ha espresso il desiderio di voler collaborare a eventuali progetti futuri di AVSI nella regione, perché fiducioso che essi stiano sinceramente rispondendo alle esigenze della comunità.

Prima che i rappresentanti della comunità tagliassero il nastro e annunciassero l’apertura del giardino AL-Narjes Garden, Lorenzo Ossoli, Project Manager di AVSI, ha spiegato il contesto del progetto e l’idea principale dietro la riabilitazione del giardino comunale: “Abbiamo costruito questo giardino per restituire alla città parte della sua bellezza e di socialità, di positività. Un luogo che accolga una nuova trama di relazioni sociali vitali per il benessere delle persone. “Nei prossimi mesi, spero di vedere tanti bambini divertirsi nel parco giochi mentre genitori, zii, e nonni chiacchierano. Mentre tutti cerchiamo di tornare alla normalità”.

News Correlate