Case Study
14 Maggio Mag 2019 1300 14 maggio 2019

Novartis Community Partnership Day 2019, appuntamento con la solidarietà della farmaceutica

Novartis al fianco di AVSI e associazioni partner per sostenere le fasce più deboli della popolazione

Community Day Novartis 2018

Il Novartis Community Partnership Day 2019, il tradizionale appuntamento con la solidarietà della farmaceutica, chiama a raccolta 200 dipendenti della sede centrale di Origgio che, nel segno della sostenibilità e della lotta agli sprechi, saranno impegnati sul territorio in attività a sostegno delle fasce più deboli della popolazione in collaborazione con le associazioni partner.

Reinvent yourself, Return more to society, Reimagine the future: quest’anno Novartis si è ispirata alle tre celebri “erre” simbolo dello sviluppo sostenibile, reinterpretate secondo la propria cultura d’impresa, per annunciare le iniziative in programma nel Community Partnership Day, il tradizionale appuntamento con la solidarietà.

Con questo claim, l’azienda ha chiamato a raccolta i circa 200 dipendenti della sede centrale di Origgio, oggi impegnati sul territorio in attività a sostegno delle fasce più deboli della popolazione, in collaborazione con le associazioni partner dell’iniziativa: Fondazione AVSI, Banco Alimentare Lombardia, Cooperativa Il Granello Don Luigi Monza, Villaggio SOS Saronno.

Nelle attività previste nel corso della giornata, un’attenzione speciale è dedicata ai temi del riciclo, del riuso e della lotta agli sprechi, cioè a quell’utilizzo intelligente delle risorse che rappresenta la premessa ineludibile per rispondere, oggi e in futuro, alle esigenze di tutti.

Novartis è per vocazione proiettata al futuro, alla ricerca di soluzioni innovative per la salute di milioni di persone. Ciò richiede la capacità di prevedere le esigenze di domani così come una gestione lungimirante dei mezzi necessari per soddisfarle. È quanto siamo impegnati a fare, sia nel lavoro quotidiano sia, responsabilmente, nei confronti del paese, che vogliamo costantemente contribuire a far crescere, dal punto di vista del capitale economico e di quello sociale, umano e ambientale. Il Community Partnership Day testimonia la continuità e la coerenza dell’impegno di Novartis in questa direzione, nonché la determinazione a rendere il nostro contributo sempre più efficace.

Pasquale Frega, country president di Novartis in Italia

Il programma della giornata
Parte dell’omonima rete nazionale, il Banco Alimentare della Lombardia per il primo anno aderisce con entusiasmo a questa iniziativa; la ridistribuzione gratuita delle eccedenze alimentari a persone in povertà attraverso le strutture caritative partner è la mission dell’Associazione; i dipendenti saranno coinvolti nella preparazione giornaliera degli alimenti equivalenti a più di 100.000 pasti da consegnare alle strutture caritative.

Nel Villaggio SOS di Saronno, importante struttura che assiste giovani che vivono in condizioni di disagio familiare e che è da anni partner del Community Day, i collaboratori Novartis quest’anno si dedicheranno ad attività connesse al riuso. In particolare, suddivisi in gruppi, costruiranno diverse tipologie di arredi per esterni, mini orti, accessori e altro, utilizzando pallet e materiale di riciclo fornito dall’associazione.

La Cooperativa Il Granello Don Luigi Monza, già partner del Community Partnership Day, da trent’anni è impegnata a inserire i ragazzi con disabilità fisiche e mentali nel contesto lavorativo. I volontari Novartis trascorreranno la giornata con gli ospiti di tre centri della cooperativa, a Cislago, a Guanzate e Marnate, offrendo il loro sostegno alle attività formative, lavorative e ricreative nelle quali sono coinvolti.

Tra le molte realtà sostenute da AVSI, fondazione impegnata nella cooperazione internazionale allo sviluppo e sostegno a rifugiati e migranti sul territorio italiano, c’è quella delle Suore di Carità dell’Assunzione che, a Milano, gestiscono tra l’altro un centro di aggregazione per ragazzi di diverse etnie e religioni. I volontari Novartis si dedicheranno in un primo tempo alla sistemazione e riorganizzazione di un ampio spazio di questa struttura e, in seguito, dell’affiancamento allo studio dei giovani ospiti.

News Correlate