News
26 Gennaio Gen 2018 1127 26 gennaio 2018

Novità e futuro al centro della Prima Conferenza nazionale della Cooperazione allo sviluppo

Il 24 e 25 gennaio scorsi oltre 3000 persone di mondi diversi si sono riunite a Roma per condividere esperienze e progettare il prossimo cammino comune nella cooperazione.

Coopera Img News

Si è tenuta il 24 e 25 gennaio scorsi la prima Conferenza nazionale della Cooperazione allo sviluppo promossa dal Ministero Affari esteri e della Cooperazione Internazionale e dall'Agenzia Italiana della Cooperazione allo sviluppo a tema “Novità e futuro: Il mondo della Cooperazione Italiana”. Per due giorni l’Auditorium Parco della Musica di Roma ha accolto incontri e confronti, sei tavoli di studio, eventi e 3000 partecipanti provenienti dalle organizzazioni della società civile, università, istituzioni, imprese.

Ai lavori hanno partecipato il Segretario Generale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale Elisabetta Belloni i Ministri Angelino Alfano (Affari Esteri e Cooperazione), Carlo Calenda (Sviluppo Economico) e Gian Luca Galletti (Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare) e il Commissario europeo per la Cooperazione Internazionale e lo Sviluppo Neven Mimica. Tra gli ospiti anche il Presidente Repubblica Centrafricana Faustin Archange Touadera.

“Per il numero di persone coinvolte e per il pubblico composito, – ha affermato il segretario Generale AVSI Giampaolo Silvestri – la conferenza è stata una tappa interessante non solo per il nostro settore, ma per tutto il Paese”.
Una tappa a cui AVSI ha dato il proprio contributo, in particolare con la testimonianza di Alessandro Galimberti (worldwide focal person for improved cookstoves AVSI) nel panel “Il futuro che vogliamo: le sfide della sostenibilità sociale, ambientale ed economica nella prospettiva della cooperazione allo sviluppo”.
L’intervento è stato incentrato su un caso concreto di un progetto che coniuga efficienza energetica sostenibilità e sviluppo umano integrale: la distribuzione di fornelli migliorati in Mozambico.

Un progetto possibile grazie all’impegno costante sul terreno dello staff di AVSI nel Paese che, a Maputo, durante i lavori della conferenza, si è riunito per seguire l’evento in streaming: una partecipazione virtuale che racconta un impegno reale e una condivisione concreta degli obiettivi, fattori fondamentali per AVSI per la realizzazione di progetti sostenibili.

Per leggere la testimonianza di Alessandro Galimberti clicca qui: Efficienza energetica in Mozambico, tra sostenibilità e sviluppo umano integrale

Il video dell'intervento AVSI

News Correlate