News
16 Giugno Giu 2015 1540 16 giugno 2015

Tre bici e un sorriso dall'Uganda, l'incontro di Scovia

“Maria, io vengo solo per stare con te”, in una frase, di risposta a un invito a venire a Milano per l’Expo, tutta la riconoscenza e la gratitudine di Scovia, ragazza ugandese che ha visto cambiare la sua vita e le sue prospettive grazie al sostegno a distanza.

China la testa, smette di parlare e si asciuga le lacrime con entrambe le mani. Non riesce a finire il suo racconto per la commozione, Scovia, e si lascia abbracciare da Maria, la sua sostenitrice a distanza. “Grazie per il tuo buon cuore e di tutto il supporto che mi hai dato”, le dice.
Maria è una giornalista televisiva e ha conosciuto il sostegno a distanza di AVSI grazie al servizio sul progetto di una sua collega, nel 1994. “Noi giornalisti pensiamo di svolgere una missione con il nostro lavoro, ma sentivo che non era abbastanza e con lei abbiamo deciso di sostenere a distanza due bambine ugandesi”.
Allora, Scovia ha 3 anni e Maria la conosce per la prima volta grazie a una piccola foto in bianco e nero. Il secondo incontro avviene l’anno dopo, questa volta di persona, grazie a un servizio televisivo che porta Maria in Uganda. Per il terzo bisogna aspettare vent’anni, quando Maria decide di invitarla a Milano: c’è l’Expo e il tema della nutrizione è un’ottima scusa per portarla in Italia, visto che Scovia nel frattempo ha proseguito gli studi e ora insegna scienze dell’agricoltura.
Il percorso di Scovia, e la sua riconoscenza, per me è la dimostrazione di quanto il lavoro di AVSI sia pieno di concretezza”, dice Maria, che ricorda il giorno in cui decise di regalare una bicicletta alla sua bambina, come premio per la sua promozione a scuola. “Non era possibile regalare una bici soltanto a lei, era necessario portarne una per ognuno dei bambini del suo gruppo, per evitare ingiustizie – racconta – Decidemmo di farlo e qualche giorno dopo ci arrivò una foto: le bici nuove, i bambini, e i loro sorrisi che ci hanno ripagato di tutto quanto”.

Scopri il sostegno a distanza con AVSI