News
3 Febbraio Feb 2015 1619 03 febbraio 2015

Messico, la sfida dell'educazione a Oaxaca con l'Università Iberoamericana di Cittá del Messico

Creati nuovi spazi di formazione per insegnanti, in un contesto educativo difficile come quello di Oaxaca in Messico, grazie a un progetto di AVSI e Crecemos Dijo con il sostegno dell’Unione Europea. Il 31 gennaio 2015, la cerimonia di chiusura di un corso di formazione chiude una parte dell’intervento.

Tutto iniziò come un semplice proposito, nel 2012”, ha ricordato Rossana Stanchi, responsabile di AVSI in Messico, nel corso dell’evento in cui ha ripercorso le tappe più significative del progetto. “Nel tempo, si è trasformato in un un’opera concreta, ed è stato possibile grazie al coraggio e all'impegno che maestri e tutori, veri protagonisti del progetto, hanno dimostrato in questi anni”.
Nel 2013, il progetto per coinvolgere attori non statali, e quindi educatori e genitori, nelle politiche educative dello stato di Oaxaca è diventato realtà, ed è stato supportato dal finanziamento dell’Unione europea e dal lavoro dei partner Crecemos Dijo e dell’università Ibero Americana.
Uno degli obiettivi del progetto è proprio quello di ottimizzare e potenziare il personale docente dello Stato di Oaxaca, uno degli stati economicamente più poveri del Messico e che da anni fatica a migliorare la qualità del suo sistema educativo. “Il presupposto – ha ricordato Rossana Stanchi – “è che l'educazione è uno dei più efficaci strumenti per la creazione di una nuova generazione, che sia cosciente e partecipativa. Alla base di una società in cui l'etica e la reciprocità sono principi fondamentali”.
Il corso di aggiornamento per insegnanti che ne è alla base è giunto alla sua seconda edizione e a fine gennaio c’è stata la cerimonia di chiusura e consegna dei diplomi agli insegnanti. La formazione, condotta da una equipe di docenti e consulenti di alto livello, ha consentito le realizzazione di un lavoro collegiale tra insegnanti e tutori, garantendo una buona qualità accademica, professionale e morale, permettendo di approfondire molti temi.
Tra i partecipanti all’evento di chiusura del corso, anche la rappresentante della delegazione Ue, Marie-Paule Neuville. “Realizzare un progetto di questo tipo qui a Oaxaca non è soltanto una sfida, ma un vero e proprio rischio. Si tratta, però, di un rischio necessario a sostenere lo sviluppo della comunità locale migliorare il livello d’istruzione di uno stato. Risultati così concreti, inoltre, possono essere usati come modello da seguire in altre realtà educative”.
AVSI é presente in Messico dal 1987, con progetti di cooperazione nei settori dell’educazione, del sostegno famigliare e dell’educazione nutrizionale, in collaborazione con ong, municipi e istituzioni pubbliche messicane e con finanziamenti del MAE, UE, cooperazione decentrata, imprese e privati italiani.
In particolare negli ultimi anni AVSI ha sviluppato in Messico interventi qualificanti che prevedevano la formazione di educatori e insegnanti in collaborazione con le istituzioni universitarie locali; lo sviluppo comunitario in aree periurbane povere e in zone rurali indigene con azioni di educazione, formazione accompagnamento ai gruppi più vulnerabili; il recupero dalla denutrizione attraverso educazione e coinvolgimento delle famiglie, con risultati pubblicati anche con il patrocinio di EXPO 2015; adozioni internazionalicon accordi con le autorità degli Stati di Campeche e Oaxaca.
I progetti di AVSI in Messico