News
30 Novembre Nov 2014 1310 30 novembre 2014

Nutrire la speranza, un seminario a Bruxelles in vista di Expo 2015

Il dato è agghiacciante: 8.500 bambini al giorno muoiono di fame. Ma come mai anche in luoghi potenzialmente ricchi di cibo e senza conflitti in corso ci sono bambini denutriti? La tematica della lotta alla denutrizione è grave quanto ampia, complessa, strettamente legata alla sicurezza alimentare, all’agricoltura ma anche all’educazione e al rispetto dell’ambiente. Un seminario a Bruxelles organizzato da AVSI e Rappresentanza Italiana alla Ue affronta la tematica.

La nutrizione è una delle priorità del semestre italiano, nell’ambito del dibattito in corso sull’agenda post-2015 (che durante il semestre dovrebbe vedere la definizione della posizione europea), e in vista dell’EXPO 2015. Inoltre nell’ambito del semestre dovrebbero essere adottate le conclusioni del Consiglio sul Action Plan on Nutrition della Commissione Europea.

Giampaolo Silvestri, segretario generale di Fondazione AVSI, ha affrontato il tema della nutrizione nel corso di un seminario in programma a Bruxelles l'11 dicembre, "Nutrire le persone, alimentare la speranza: dagli impegni alle realizzazioni", organizzato da AVSI e Rappresentanza Italiana a Bruxelles.

Scarica le slide AVSI sulla nutrizione
Scarica il paper AVSI sulla nutrizione
Il workshop affronterà i temi della nutrizione a partire dalle esperienze sul campo di ONG italiane e europee, tenendo conto dell’ agenda di sviluppo sostenibile post-2015 attualmente in discussione, delle conclusioni della conferenza internazionale sulla nutrizione FAO-WHO del 16-21 Novembre 2104 e del Nutrition Action Plan della Commissione Europea.
Nel secondo semestre 2014 si sono definiti gli assetti del nuovo Parlamento e della nuova Commissione, che guideranno l’Europa verso il 2020. È decisivo che queste istituzioni facciano propri la priorità della nutrizione come elemento fondamentale della lotta alla povertà e dello sviluppo sostenibile, l’Italia è l’attore giusto per guidare il ‘passaggio di consegne’ ai nuovi protagonisti delle istituzioni maggiormente interessate (nuova commissione Sviluppo del Parlamento, nuovo Commissario DEVCO..).
La lotta alla denutrizione è un problema globale e molti altri attori sono impegnati a livello internazionale (la conferenza ICN2 di FAO e WHO 16-21 novembre, il piano congiunto UNICEF-UE in 15 paesi, la presenza del SUN Movement, il 2014 anno dell’agricoltura e della sicurezza alimentare in Africa.. ), perciò è importante coinvolgere quanti più partner possibili e unire le forze in una visione condivisa.
In un ambito tanto complesso è fondamentale conoscere dal terreno le esperienze positive in atto, comprenderne i fattori di successo, individuare le possibilità di replicarle in altri paesi e contesti, in un percorso virtuoso di continuo apprendimento e diffusione del sapere. Insieme alle organizzazioni della società civile, locali ed europee, anche il settore privato può dare un contributo decisivo.