News
1 Aprile Apr 2014 1807 01 aprile 2014

Il sistema cooperativo: un modello imprenditoriale per lo sviluppo dell’economia locale

Il sistema cooperativo: un modello imprenditoriale per lo sviluppo dell’economia locale. E’ questo il titolo di un convegno, promosso dalla Compagna delle Opere di Como, che si terrà presso l’associazione la Cometa e che vede la partecipazione di Giovanni Pontiggia, presidente BCC Alta Brianza e Iccrea Banca Impresa, Mauro Frangi, presidente Confcooperative di Como e Giampaolo Silvestri Segretario Generale della Fondazione AVSI.

La cooperazione nella storia del nostro Paese è stato lo strumento con cui la persona e le comunità hanno saputo rispondere ai propri bisogni. Le banche di credito cooperativo sono uno degli esempi di questa modalità originale di mettersi insieme condividendo principi solidaristici. Le risposte nate da queste esperienze mutualistiche hanno certamente generato uno sviluppo economico della società civile e dei territori locali.In tanti settori dall’educazione all’assistenza sanitaria, dai servizi sociali all’informazione.
Nel tempo sono cresciuti sempre di più nel nostro Paese quelli che vengono chiamati corpi intermedi che si trovano in qualche modo tra la singola persona e lo stato. 
Fondazione AVSI, nei vari progetti di sviluppo economico locale, favorisce l’aggregazione delle persone in cooperative e associazioni che rafforzino il singolo e lo inseriscano in una filiera più organizzata e solidale. In agricoltura soprattutto questo è cruciale: le famiglie produttrici sono 500 milioni, ma le loro dimensioni sono molto piccole, per cui l’aggregazione in gruppi cooperativi è fondamentale.
Come nel caso dei produttori di cacao criollo in Perù, in Amazzonia dove AVSI, insieme con il Fondo Italo Peruano, si è impegnata a seguire oltre 400 persone tra uomini e donne in una crescita personale e professionale nel settore della coltivazione di questo pregiatissimo cacao, perché sia sfruttato al meglio e possa diventare veramente competitivo anche all’estero. Grande coinvolgimento anche delle donne che hanno dato vita a delle cooperative di risparmio e avviato una produzione sperimentale di cioccolato Utkucamba, molto apprezzato.
E come nel caso dei produttori di riso in Myanmar dove AVSI ha avviato un progetto in collaborazione con il LIFT, il fondo internazionale a sostegno del settore della sicurezza alimentare in Myanmar, per creare una cooperativa a Labutta, nella zona del Delta, una delle aree colpite dal ciclone Nargis nel 2008. Un disastro naturale che oltre ad uccidere 200.000 persone ha distrutto l’economia locale e tolto la speranza a chi era sopravvissuto.
Cooperazione è anzitutto “ultimo miglio di solidarietà” cioè unire la singola persona o famiglia alla comunità per creare valore sociale per il singolo e per la comunità.
Scarica la locandina