News
30 Ottobre Ott 2013 1613 30 ottobre 2013

Accogliere l'altro: inclusive education program con UNICEF in due scuole a Gerusalemme

AVSI con UNICEF ha iniziato un progetto di inclusive education in due scuole pubbliche di Gerusalemme per rendere questi luoghi ambienti capaci di accogliere anche gli studenti con difficoltà e disturbi dell'apprendimento usufruendo di metodi di insegnamento adeguati che non generino discriminazioni tra alunni.

L'obiettivo generale di questo progetto è quello di fare della scuola un luogo di incontro dove tutti i bambini possano partecipare attivamente e siano guardati con pari opportunità. Questo atteggiamento comporta un cambiamento nel modo di pensare l'educazione stessa, trasformando i sistemi educativi per rispondere alle diversità e unicità di ogni studente.
Le scuole palestinesi oggi si trovano a dover affrontare sempre di più il  problema di bambini che soffrono di disturbi comportamentali e difficoltà di apprendimento. Data la crescente esigenza sul campo è nata una grande richiesta di corsi di formazione per gli insegnanti sui temi della disabilità, dei problemi comportamentali, della gestione della classe, e di nuovi metodi di insegnamento.
Attraverso la partecipazione delle scuole e la formazione degli insegnanti, questo progetto di AVSI con UNICEF aiuta a creare un corpo docente più qualificato che può aumentare la qualità dell'educazione ed essere pronto ad accogliere anche studenti con difficoltà di apprendimento o esigenze educative speciali. Sarà inoltre possibile creare una rete tra le scuole e gli insegnanti, dove sarà possibile condividere le esperienze e ottenere sostegno e guida  sulle diverse tematiche educative.

[gallery order="DESC" columns="2"]

Il progetto, iniziato ad ottobre 2013,  è in linea con il Piano di Sviluppo dell'Educazione Palestinese, che promuove una politica di inclusione degli studenti con particolari esigenze e disturbi. AVSI interviene in due scuole pubbliche di Gerusalemme Al Nahda Alif (scuola femminile) e  Al Jeel Aljadeed (scuola maschile) realizzando attività con il costante coordinamento dell'UNICEF, per permettere ad ogni bambino un'istruzione di qualità, grazie allo sforzo della comunità e al coinvolgimento e la collaborazione di tutte le parti interessate.
I principali risultati sono: - Sviluppo di un approccio di educazione inclusiva a supporto delle scuole palestinesi; - Programma di sostegno sulle difficoltà di apprendimento nelle scuole di Gerusalemme; - Creazione di una rete di scuole che condividono metodi simile di lavoro; - Formazione di 29 insegnanti e 2 amministratori in corsi di difficoltà di apprendimento e di nuove tecniche di insegnamento in classe
I beneficiari del progetto sono circa 300 bambini e bambine, i loro insegnanti e genitori.