News
5 Marzo Mar 2013 1147 05 marzo 2013

Educare i futuri manager e leader sul Business e i Diritti Umani con UN Global Compact

UN Global Compact e il Segretariato dei Principles for Responsible Management Education (PRME) delle Nazioni Unite hanno lanciato un'iniziativa internazionale rivolta alle istituzioni accademiche per educare i futuri manager in materia di business e diritti umani e rispondere alle nuove sfide del mondo che cambia.

La domanda di business multidisciplinari e l’educazione ai diritti umani è in crescita in tutto il mondo. Governi, imprese, organizzazioni della società civile e istituzioni multilaterali sono sempre più impegnati nella gestione delle sfide del business e dei diritti umani.
I corsi di management dovrebbero includere temi relativi al business e ai diritti umani. Considerazioni relative ai diritti umani sono sempre più importanti per le strategie di leadership, pianificazione ed esecuzione. Un business che rispetta i diritti umani ha un profilo di rischio più basso e maggiori opportunità di innovazione, ritorni finanziari e valore sostenibile. Gestire gli impatti sui diritti umani sta diventando una competenza necessaria per una vasta gamma di attività di business che comprendono tra le altre: strategia aziendale, gestione del rischio, conformità legale, risorse umane, acquisti, finanza, design del prodotto, relazioni con gli investitori, marketing, comunicazione e affari pubblici.
Questo punto di vista corrisponde all’esperienza di AVSI maturata con diverse imprese in tutto il mondo. Ecco perché AVSI accoglie e promuove l'iniziativa.
Per sostenere questa attività invia una e-mail a humanrights@unglobalcompact.org e scaricare la Open Letter, che si propone di: 1) aumentare la consapevolezza della necessità di un’educazione al business e ai diritti umani, 2) sollecitare le istituzioni accademiche di tutto il mondo a sviluppare nuovi corsi e programmi di studio e 3) permettere alle aziende di riconoscere l'importanza di un’educazione al business e ai diritti umani all'interno delle proprie organizzazioni.
Scarica l'Open Letter