Project
Libano e Giordania (2016-2019); Libano (2019-2021)
23 December Dec 2016 0100 3 years ago 22 June Jun 2021 0200 one year from now

Back to the future

La chiamano la generazione perduta: quella che a causa della guerra in Siria non ha più accesso all'educazione. Per chi è fuggito in Libano e per chi li accoglie, un progetto per garantire un'educazione di qualità in un ambiente sicuro e protetto.

(C) Andy Hall Per Back To The Future
Budget Fase 1: 15,15 milioni di euro | Fase 2: EUR 10,85 milioni di euro

Informazioni sulla crisi siriana

In questi nove anni di conflitto, milioni di siriani hanno cercato rifugio al di fuori del proprio Paese. I bambini sono le prime vittime di questa crisi: spesso non possono andare a scuola e sono particolarmente vulnerabili allo sfruttamento lavorativo e al traffico di minori. Il progetto Back to the Future risponde alle esigenze educative di questi bambini, affinché possano diventare gli artefici di un futuro di pace per la Siria e tutta la regione mediorientale.

Più di 630.000 bambini siriani rifugiati in Libano e più di 327.000 in Giordania hanno tra i 3 e i 18 anni; tra questi il 60% non va a scuola. Oltre 447.000 libanesi vulnerabili hanno bisogno di assistenza educativa. Un'intera generazione sta crescendo con pochi motivi per alimentare la speranza di un futuro migliore. Questo è il motivo per cui l'istruzione è determinante per lo sviluppo delle comunità ospitanti e per i rifugiati vittime del conflitto.

Il progetto Back to the Future

Con il sostegno del Fondo Fiduciario regionale dell'UE in risposta alla crisi siriana, il Madad, un consorzio di ONG composto da AVSI, Terre des Hommes Italia e War Child Holland ha lanciato il progetto "Back to the Future".

Durante la fase 1 (dicembre 2016 - giugno 2019), il progetto ha incentivato l’inserimento a scuola e ha supportato la frequenza scolastica dei bambini profughi e dei bambini vulnerabili delle comunità locali in Libano e Giordania. Back to the Future ha inoltre potenziato l'ambiente di apprendimento mediante la modernizzazione degli edifici scolastici. Il progetto ha sostenuto attività formali (scolastiche) e non formali (extrascolastiche) per i bambini in età prescolare e scolare (dai 3 ai 17 anni).

Nella fase 2 (giugno 2019 - giugno 2021), l'obiettivo del progetto è garantire un ambiente di apprendimento protetto e servizi educativi di qualitàper le ragazze e i ragazzi vulnerabili siriani e libanesi.

Fase 1: dicembre 2016 – giugno 2019

Riportare a scuola bambine e bambini vittime della crisi siriana in Libano e Giordania

Per un periodo di tre anni (2016-2019), il progetto "Back to the Future" ha fornito sostegno educativo a 21.700 bambini vulnerabili e rifugiati e assicurato il miglioramento di 22 scuole pubbliche in Libano e Giordania.

Risultati

Libano:

  • 19.022 bambini iscritti alle attività didattiche.
    • 10.915 bambini iscritti alle attività didattiche informali.
    • 8.107 bambini beneficiari del programma di sostegno all'apprendimento.
  • 6.412 bambini passati all'istruzione formale.
  • 8 scuole pubbliche riqualificate.
  • 57.363 persone raggiunte mediante le visite a domicilio e informate sulle opportunità di istruzione formale e non formale nelle loro comunità.
  • Formazione di 591 membri del personale, insegnanti e volontari sulla protezione ed educazione dei bambini e primo soccorso

Giordania:

  • 2.700 bambini iscritti alle attività didattiche formali e informali.
  • 15 scuole pubbliche riqualificate.
  • Formazione di 44 insegnanti e professionisti dell'istruzione.

Fase 2: giugno 2019 – giugno 2021

Facilitare l'accesso al sistema educativo per i bambini siriani e i bambini libanesi più vulnerabili in Libano.

Il progetto "Back to the Future" mira a fornire un ambiente protettivo e attento a oltre 16.955 bambini vulnerabili rifugiati e delle comunità ospitanti, garantendo le attività extrascolastiche per 5.380 bambini e indirizzando 350 bambini a rischio e/o con particolari esigenze ai servizi specializzati. Inoltre il progetto prevede la riqualificazione di 18 scuole pubbliche e 4 centri di apprendimento frequentati da 12.200 studenti tramite. Infine coinvolge 4.245 assistenti sociali locali in attività educative e tutela dei minori, garantendo loro una formazione adeguata.

Risultati previsti

  • 16.955 bambini saranno iscritti alle attività didattiche fornite dal progetto:
    • 7.910 bambini saranno iscritti alle attività didattiche informali
    • 9.045 bambini beneficeranno del programma di sostegno all'apprendimento
  • 5.470 bambini beneficeranno di programmi di sostegno psicosociali inclusivi e strutturati e attività extrascolastiche.
  • 350 bambini a rischio e/o con bisogni speciali saranno indirizzati ai servizi specializzati.
  • 5.530 bambini potranno accedere all'istruzione formale libanese.
  • 18 scuole pubbliche saranno riqualificate con la realizzazione di strutture come campi da gioco, teatri, laboratori informatici, ecc.
  • 18.597 persone saranno raggiunte mediante visite a domicilio e informate sulle opportunità di istruzione formale e non formale nella loro comunità.
  • 3.580 assistenti e membri della comunità saranno coinvolti in attività di sensibilizzazione sulla tutela dei minori, sulla prevenzione e saranno coinvolte in attività comunitarie.
  • Saranno formati 530 membri del personale, insegnanti e volontari su tutela dei minori, primo soccorso e attivitià educative.

Le attività didattiche

Nei centri comunitari "Back to the Future" offriamo:

  • istruzione per la prima infanzia gestita dalle comunità per i bambini di età compresa tra i 3 e i 5 anni.
  • alfabetizzazione di base e competenze matematiche per i bambini di età compresa tra gli 8 e i 14 anni (fase 1 BTF) e tra i 10 e i 14 (fase 2 BTF).
  • corsi di lingua straniera, inglese e francese (in Libano) per preparare i bambini dai 6 ai 14 anni. In Libano le lingue usate nell’insegnamento sono l’inglese e il francese, mentre i Siria si usa solo l'arabo.
  • sostegno per i compiti per bambini dai 6 ai 14 anni.

Nelle scuole pubbliche sosteniamo i bambini iscritti mediante:

  • corsi di recupero: corsi estivi per bambini in età scolare, dai 6 ai 14 anni, a rischio di abbandono scolastico o con voti bassi nell'anno accademico precedente.
  • sostegno per i compiti: lezioni pomeridiane per bambini in età scolare, dai 6 ai 14 anni, a rischio di abbandono scolastico o con voti bassi in tutte le materie.