News
23 March Mar 2021 1002 23 March 2021

Soluzioni innovative per la didattica a distanza tra i bambini siriani in Libano durante l’emergenza COVID

Saranno presentati a Bruxelles alla V Conferenza sulla Siria i risultati del progetto ‘Back to the Future II’ di AVSI, Terre des Hommes Italy in Libano e War Child Holland in Libano

4 Copy

Dal 29 al 30 marzo 2021 si svolgerà a Bruxelles la quinta Conferenza su “Sostenere il futuro della Siria e della regione” ospitata dall'Unione europea. La conferenza avrà luogo online.

In tale occasione AVSI, con Terre des Hommes Italy in Libano e War Child Holland in Libano il 26 marzo alle ore 9:00 (CET TIME), promuoverà un side event durante il quale presenterà i risultati del progetto Back to the Future IIe il programma di didattica a distanza “I Learn From Home”, sviluppato come risposta innovativa alla chiusura delle scuole.

La conferenza sulla Siria di Bruxelles è diventata nel corso degli anni un'opportunità per proseguire e approfondire il dialogo tra l'Unione europea e le Nazioni Unite, la società civile e le istituzioni dei paesi che ospitano i rifugiati, Un luogo per riaffermare il continuo sostegno della comunità internazionale all’impegno dell’l'ONU e dell’inviato speciale dell’Onu a favore di una soluzione politica negoziata del conflitto siriano, in linea con la risoluzione 2254 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Il 2021 ha segnato il decimo anniversario dello scoppio della guerra in Siria, che tra gli altri numeri drammatici annovera questo: 488.000 bambini siriani in età scolare rifugiati in Libano, metà dei quali non frequenta ancora la scuola.

Il progetto “Back to the Future II”, finanziato dall'Unione Europea in Libano attraverso il Fondo fiduciario regionale in risposta alla crisi siriana (Fondo Madad), in tre anni intende riportare a scuola più di 22.648 bambini libanesi e siriani ed è implementato grazie a un consorzio di ONG: AVSI, Terre des Hommes Italy in Libano e War Child Holland in Libano con il supporto dell’ong locale Seenaryo.

Dallo scoppio della pandemia che ha spinto il governo a chiudere tutte le scuole, in Libano le organizzazioni non governative hanno svolto un ruolo fondamentale nella ricerca di soluzioni innovative per sostenere la didattica a distanza.

Un esempio riuscito è rappresentato proprio dal progetto Back to the Future. Grazie alla collaborazione con l'ong locale Seenaryo, il programma educativo per la prima infanzia (Community-based Early Childhood Education) non si è interrotto ma ha convertito le sue attività: Seenaryo ha sviluppato contenuti digitali per bambini dai 3 ai 5 anni, storie da ascoltare, canzoni, spunti per attività da svolgere a casa. I bambini hanno ricevuto un kit (cancelleria e un libricino) per questo nuovo percorso, per loro ma anche per i genitori, che possono sempre contare sullo staff del progetto.

All'evento interverranno:

  • Maria Gaudenzi, Chief of Party Back to the Future, AVSI
  • Sabah Dakroub, Head of Educational Development, War Child Holland
  • Rabab Hakim, Education Specialist, Terre des Hommes Italy
  • Lara McIvor, Country Director, Seenaryo
  • Maxence Daublain, Programme Manager – Education and Elections, Delegazione Unione Europea, Libano
  • Un rappresentante del Ministero dell’Istruzione in Libano

Per registrarsi all’evento: https://back-to-the-future.org/join

Per info sul progetto: join@back-to-the-future.org

Related Projects

Related News