News
20 February Feb 2020 0941 20 February 2020

Messico. Organizzazioni della società civile più forti per costruire la pace e un mondo più colorato

Nell'ambito del progetto "Polo per la cittadinanza attiva" sostenuto dall'Unione Europea il festival "Holi por la Paz", ha riunito studenti da diverse università messicane e i membri delle organizzazioni della società civile per un confronto su sviluppo economico, inclusione sociale e tutela dell'ambiente.

Oaxaca (Festival Holi) 1

“Yo Construyo la Paz”, io costruisco la pace: questo il tema su cui si sono confrontati più di 120 giovani universitari e i rappresentanti di 15 organizzazioni della società civile durante l'Holi Festival per la Pace (Festival Holi por la Paz) a Oaxaca, un'iniziativa del progetto Polo per la Cittadinanza Partecipativa.

Durante tutta la giornata del 7 febbraio 2020 presso l’università Valles Centrales di Oaxaca sono stati organizzati gruppi di discussione su temi economici, sociali e ambientali; uno spazio dedicato a stand informativi delle organizzazioni della società civile; un momento di confronto politico e un momento di festa finale con musica e il lancio delle polveri colorate "holi".

I ragazzi hanno potuto conoscere le attività delle organizzazioni presenti, impegnate in diversi campi: dalla produzione biologica, alla salute, alla tutela delle lingue indigene. Un'occasione per scoprire diverse possibilità di volontariato e per essere parte di quella cittadinanza attiva impegnata per la tutela e lo sviluppo del proprio territorio.

César Carrizales Becerra (deputato al Congresso di San Luis Potosí) ha raccontato la sua esperienza di vita e di lavoro: dopo un passato giovanile trascorso nel mondo delle bande di strada e della dipendenza da alcool e droghe, nel 2002 ha fondato il movimento popolare giovanile, per sostenere principalmente i giovani di strada ma anche i cittadini vulnerabili, gli invisibili e i dimenticati ed è promotore di campagne a favore dell’ambiente e della lotta contro la violenza su donne e animali: “La politica è il lavoro più bello che esista, ma solo se è un mezzo per aiutare gli altri”.

Come spiega Rossana Stanchi responsabile AVSI México: "Abbiamo scelto di chiudere con il lancio delle polveri Holi per simboleggiare come ognuno, con il suo punto di vista, può contribuire a un mondo più colorato, fatto di diverse tonalità, sfumature che solo il confronto e l'incontro possono creare. E' stata una giornata di scambio per mettere in relazione diversi attori della società civile, uno degli obiettivi del progetto Polo. E' interessante come sia i ragazzi sia gli attivisti presenti abbiano sottolineato l'importanza di sensibilizzare e coinvolgere sempre più persone sui temi al centro del dibattito: sviluppo economico, inclusione sociale, protezione dell'ambiente. Ed è questo che facciamo grazie ai fondi dell'Unione Europea: aiutiamo le organizzazioni della società civile a rendere più incisiva la loro azione, a far sentire la loro voce a sempre più persone".

¡Gracias a todas los y las estudiantes que participaron en el #FestivalHoliPorLaPaz! 🕊👏 Continuemos trabajando por la...

Pubblicato da Ciudadanía Participativa su Mercoledì 12 febbraio 2020

Nell'ambito del progetto Polo, sempre per rendere più competente ed efficace lo staff di organizzazioni sociali e collettivi locali AVSI México, in collaborazione con l'Università Loyola di Acapulco ha organizzato un corso on line su cittadinanza, peacebuilding e advocacy in politiche pubbliche.

Il percorso si è chiuso a Oaxaca con la consegna del diploma a oltre 30 partecipanti, alla presenza di Marie Augouy della delegazione dell'Unione Europea in Messico. "Le organizzazioni della società civile - ha commentato - sono estremamente importanti per generare cambiamenti positivi per tutta la comunità".

Il Progetto Polo per la Cittadinanza Partecipativa è un progetto di AVSI, in collaborazione con Sikanda A.C., SEPICI A.C. e Centro Lindavista e il sostegno finanziario dell’Unione Europea.