News
23 January Jan 2020 0814 23 January 2020

In Mozambico con AICS, una risposta sociale e collettiva al cambiamento climatico

Nel video reportage realizzato da Alessandro Grassani i devastanti effetti della crisi climatica e le azioni per contrastarla messe in campo con RESolução, progetto finanziato dall’Agenzia italiana per la Cooperazione allo Sviluppo.

Gli effetti dei cambiamenti climatici sono percepibili ovunque, ma alcuni paesi ne sono interessati con maggior intensità: in Mozambico, identificato come paese a rischio estremo, AVSI e l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), hanno implementato il progetto RESolução (1 Agosto 2018 - 31 Gennaio 2020), per studiare e combattere le conseguenze delle alterazioni del clima.

Come spiega Fabio Melloni - titolare della sede AICS di Maputo dal 2017 al 2019 - il progetto RESolução è stato pensato per promuovere la resilienza delle comunità maggiormente vulnerabili al climate change, grazie a una mappatura delle realtà più fragili del territorio e di attività di sensibilizzazione sia sulle conseguenze del cambiamento climatico sia su temi come l’agricoltura e la nutrizione.

Nel suo reportage dedicato all’Africa sud-orientale per L’EspressoCon il cambiamento climatico le locuste arrivano anche in inverno. Ed è una tragedia”, il vicedirettore Alessandro Gilioli rimarca l’impegno pluriennale di AVSI in queste zone, e sottolinea proprio le sue recenti attività di studio del territorio e raccolta dati per identificare i principali problemi idrogeologici a cui porre rimedio.

Il punto forte del progetto RESolução - chiarisce Mattia Baglioni, coordinatore in loco per AVSI - è sicuramente l’approccio integrato tra diversi settori, così come tutte le attività di sensibilizzazione rivolte alle comunità sui temi del cambiamento climatico”.

In particolare nella regione di Namuno, a nord del Paese, dove periodi di forte siccità si alternano ad altri di inondazioni devastanti, gli interventi del progetto RESolução sono indirizzati a responsabilizzare la popolazione a livello comportamentale, agricolo e nutrizionale.

Coinvolgere in prima persona gli abitanti dei villaggi ha portato a una sensibilizzazione diretta, grazie alla quale sono stati trasmessi competenze e strumenti per l’agricoltura, oltre a nozioni sulla conservazione di riserve d'acqua e delle risorse alimentari.

Rassegna stampa