SOSTEGNO A DISTANZA: 1.500 storie di speranza

AVSI Haiti by Simone Sarcià

A due anni dal terribile sisma che sconvolse Haiti, il 12 gennaio 2010, dove la distruzione sembrava aver detto l’ultima parola, tante piccole storie parlano invece di rinascita grazie al sostegno a distanza di AVSI.

Come quella di Jean Baptiste, che vive nel quartiere di Martissant. A seguito del sisma aveva perso la casa ed era rimasto orfano di padre. La madre, priva di risorse economiche, non poteva garantirgli la frequenza ad alcuna scuola. Jean è stato accolto all’interno del progetto di sostegno a distanza di AVSI ed ora può contare su aiuti materiali ma soprattutto può abbandonare la strada e le sue bande per tornare sui banchi di scuola.

O la storia di Jean Robins di Citè Soleil, che nel terremoto aveva perso entrambi i genitori. Accolto dalla nonna, poco dopo gli era stata diagnosticata un’ernia con necessità di intervento in tempi rapidi. Una notizia drammatica stante già la difficile situazione di Jean: l’operazione era costosa, come costosa sarebbe stata la riabilitazione e le cure necessarie post intervento. Ma Jean ha avuto una possibilità in più e grazie a questa ha potuto sopportare le spese dell’intervento, seguire le opportune cure e lo scorso ottobre è potuto anche tornare a scuola! Ora è al primo anno della scuola primaria Saint Louis de Marillac, per lui la speranza ha un nome e un volto: quello del suo sostenitore a distanza.

E ancora la storia di Miryame di Citè Soleil. Il suo sostegno era iniziato molti anni prima del sisma, nel 2005. Chi la sostiene è una grande famiglia, gli iscritti al sindacato della FIBA CISL della provincia di Forlì – Cesena. Un’amicizia molto sentita e seguita anche attraverso la pubblicazione delle notizie di Miryam sul loro bollettino periodico. Immediatamente dopo il sisma, saputo che la bambina aveva peso la casa, il tam-tam degli iscritti si è attivato e nel giro di poco hanno raccolto la somma necessaria alla ricostruzione dell’abitazione. Il grande interesse dimostrato, l’immediatezza della risposta da parte dei suoi sostenitori hanno commosso anche gli assistenti sociali in Haiti! La casa è stata ricostruita e Miryam certamente non potrà mai dimenticare gli amici dell’Italia che con tanto affetto e attenzione la seguono da ben sette anni.

Queste sono solo tre storie dei circa 1.500 bambini che vengono seguiti con il sostegno a distanza di AVSI ad Haiti: 1.500 storie di speranza.

SOSTIENI ANCHE TU UN BAMBINO A DISTANZALA SCHEDA: Sostegno a distanza ad Haiti

Torna a: I nostri sostenitori raccontano: viaggi ed esperienze